Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Conti dormienti: campagna informativa

Si attira l’attenzione dei connazionali all’estero sulle prossime scadenze relative ai c.d. “conti dormienti”, ovvero rapporti contrattuali di natura finanziaria di importo pari ad almeno 100 € (intrattenuti principalmente con le banche), non movimentati per almeno 10 anni. Si tratta ad esempio di depositi di denaro, libretti di risparmio, conti correnti (anche postali), azioni, obbligazioni o titoli di Stato. Trascorsi 10 anni senza alcuna operazione, le somme vengono versate a un Fondo del Ministero dell’Economia e delle Finanze, ove rimangono a disposizione del titolare che ne faccia richiesta per ulteriori 10 anni: decorso tale secondo termine, le somme vengono perse e utilizzate dallo Stato per fini sociali. Dal novembre del 2018 inizieranno a scadere i termini per l’esigibilita’ delle somme relative ai “conti dormienti” che non subiscono movimentazioni da vent’anni.

Click nell’immagine per vedere la normativa.