Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Avviso sulle Unioni Civili (Legge 20 maggio 2016, n. 76)

La legge disciplina per la prima volta le unioni civili, tra persone dello stesso sesso o di sesso diverso. La procedura per la registrazione di un’unione civile è di competenza dell’Ufficiale di stato civile presso l’Ufficio consolare dell’Ambasciata.

Sinteticamente, la procedura di registrazione prevede:
Gli interessati prendono appuntamento con l’ufficio consolare per presentare una dichiarazione all’Ufficiale di stato civile di voler costituire un’unione civile. L’Ufficiale redige verbale ed invita le parti a presentarsi nuovamente davanti a lui dopo un periodo non inferiore a 15 giorni, per la celebrazione dell’unione.
In questo periodo l’Ufficiale esegue le verifiche necessarie presso i comuni di nascita o di iscrizione anagrafica degli interessati per accertare che non sussistano impedimenti alla costituzione della loro unione.
Successivamente viene effettuata la celebrazione alla presenza di due testimoni. Viene redatto un verbale firmato da tutti i presenti. L’ “Atto di unione civile” viene registrato in un apposito registro di stato civile.
L’Ufficiale provvederà inoltre ad inviare una copia dell’ “Atto di unione civile” al Comune di iscrizione AIRE delle parti.

L’ufficio consolare è che a disposizione per informazioni o per fissare un appuntamento alla mail: cons.dar@esteri.it